Mobile: una rapida analisi della concorrenza

Posted on 3 gennaio 2012

0


Visto che il 2011 è stato l’anno in cui si è cominciato a dire che gli sviluppi dell’economia digitale viaggeranno intorno agli smartphone – anche se non credo come dicono alcuni che il web diventerà una appendice secondaria di tutto questo; gli smartphone (e i tablet) diventeranno i principali strumenti di accesso al web, sostituendo i meno adatti allo scopo PC – mi è sembrato utile ripescare questa infografica, via Economist: fa capire l’interdipendenza (non a tutti nota) tra i 2 principali player del settore: Apple e Samsung. Parliamo quindi non tanto di economia virtuale degli App Store quanto di “classica” industria manufatturiera. Emergono quindi due fatti: 1) Samsung è il principale banchettatore (dopo Apple stessa) al tavolo denominato iPhone e Apple monetizza su ogni singolo dispositivo un ammontare superiore al prezzo di mercato di molti smartphone concorrenti.

Un altro grafico interessante, questa volta via Techcrunch, mostra non tanto l’ottimo andamento di Android ed Apple, quanto il tracollo di RIM, la morte di Palm e il “non decollo” di Windows Phone; i dati sono US ma penso possano ritenersi validi – come tendenza – almeno anche per l’Europa.

Android, ovvero Google, non è però un sistema unico. Il principale “fabbricante” è Samsung, ma ci sono anche altri nomi importanti come  Motorola (che ora è di Google), LG, HTC. Tutti questi però a) non sono sviluppatori esclusivamente dediti ad Android; la loro attenzione è quindi ripartita come minimo su due sistemi diversi e b) sono usi ad adattare Android ai loro dispositivi con il risultato di ostacolare la possibilità di aggiornare il sistema operativo alle nuove versioni non appena vengono rilasciate da Google (cosa che per Apple è data per assodata), con il risultato che possessori di smartphone diversi (ma tutti discretamente costosi) possono vedere l’opportunità di aggiornare i loro dispositivi ritardata di mesi o addirittura del tutto ostacolata; la supply chain è non solo frammentata ma conflittuale.

Posted in: mercato, mobile